Radiant Silvergun (Treasure)

Pubblicato: giugno 26, 2011 in Recensioni, Saturn
Tag:, ,

INTRODUZIONE
Sono passati molti anni da Space Invaders e i suoi alieni dallo scorrere serpentino, ma il genere degli Shoot’em Up non ha avuto grandi stravolgimenti. Si è aggiunto il tasto per le bombe con Xevious, provata l’isometria di Zaxxon o le direzioni multiple di Bosconian, ma alla fine la cosa da fare è sempre quella: kill’em all.
Ovviamente anche in Radiant Silvegun, che rientra di prepotenza nella categoria, lo scopo primario è quello di nuclearizzare qualsiasi cosa si presenti sullo schermo. La differenza la fa però il modo in cui potremo raggiungere questo traguardo: se solitamente siamo abituati a utilizzare un paio di tasti per sparare e raccogliere power up a profusione, ci accorgeremo subito che qualcosa non torna.

GAMEPLAY
La prima differenza (nonché la più innovativa) tra un qualsiasi shoooter e RS, risiede proprio nel fatto che la distruzione dei nemici non comporterà il rilascio di migliorie per la nostra astronave. Il che non vuol dire che ci ritroveremo a fronteggiare il boss di fine livello (sì, questi ci sono ancora) con la bomboletta del Raid, bensì potremo migliorare la potenza di fuoco focalizzandoci sull’uso di un certo sistema di sparo.
Il funzionamento è simile a quello di un gioco di ruolo: più si utilizza una determinata arma e più questa diviene efficace. Il che porta allo sviluppo di molteplici strategie: c’è chi privilegerà il potenziamento di determinati spari e chi preferirà utilizzarli un po’ tutti, per rendere la nostra astronave il più equilibrata possibile. Ovviamente la cosa è più facile a dirsi che a farsi, visto che in RS ci sono ben sette (!) tipi di attacchi e tre tasti utilizzabili (fino a sette nella modalità Saturn). Calcolando che molti possono essere combinati, le opzioni diventano veramente infinite.
Al classico sparo in verticale si aggiunge la possibilità di aprire il fuoco dal retro della navicella; vi è inoltre l’implementazione di armi dalla traiettoria diagonale, laser che in base al tempo di pressione detoneranno vicino all’astronave, facendovi da scudo, oppure rimbalzeranno sulle pareti e, dulcis in fundo, lo sparo Radiant che, oltre ad essere un’ottima “Smart Bomb”, permetterà di inglobare i colpi dei nemici per caricarsi fino a fondo scala.
Se la cosa vi sembra complicata è perché effettivamente lo è! All’inizio ci si ritrova spaesati e vorreste avere qualche tentacolo in più per poter premere tutti i pulsanti disponibili, ma con il passare del tempo si comincerà a capire quali spari sono richiesti in determinate situazioni.
Il gioco premia una condotta variegata e più si è in grado di utilizzare le varie combinazioni, più si ricevono punti e percentuali di completamento livello migliori. Altro punto a favore è costituito dalle catene (combo) realizzabili distruggendo astronavi del medesimo colore con lo sparo adeguato.
Come dite, non ve ne frega del punteggio? E fate male, perché difficilmente riuscirete a sbloccare vite aggiuntive e, credetemi, ce ne sarà un gran bisogno!
RS, diciamolo subito, è difficile, dannatamente difficile! Non pensiate di finirlo al primo giro, anche perché i “Continue” sono limitati e l’unico modo per aumentarli è ottenere degli ottimi score, oppure giocare per un bel po’ di tempo (si vince una vita aggiuntiva ogni ora reale di gioco). Il che, a ben vedere, non è poi una cosa così sbagliata, e aumenta di molto la longevità.
Ritroveremo la classica versione arcade (del tutto identica all’originale, visto anche l’hardware STV su cui girava) ma anche una nuova modalità esclusiva Saturn.
I cambiamenti in questa nuova modalità sono molteplici: innanzitutto presenta un’ottima introduzione in stile anime (molto lunga e bella, purtroppo in giapponese stretto) e intermezzi anche durante le fasi di gioco.
E’ poi possibile giocare tutti i livelli in sequenza, mentre nella versione arcade ci ritrovavamo una scelta a bivi nel terzo livello. Anche la grafica è stata migliorata, sono stati aggiunti nuovi “Dogs” (particolari “Easter Eggs” da scovare all’interno dei livelli tramite sparo alternativo) e la difficoltà di gioco è stata ricalibrata.

REALIZZAZIONE TECNICA
Se chiedete a qualche fan del genere quali sono i migliori Shoot’em Up in circolazione difficilmente dimenticherà di menzionarvi RS. Il motivo è presto detto: è un gioco impressionante sia a livello di gameplay che quanto a grafica e sonoro.
Vedrete astronavi grandi due volte lo schermo scorrere con una fluidità pazzesca, miriadi di proiettili visualizzati contemporaneamente senza alcun rallentamento ed effetti di ogni genere traboccare dal vostro televisore. Probabilmente controllerete che il gamepad sia effettivamente collegato ad un Saturn e non alla PS3 di turno.
Il comparto audio è di prim’ordine, con musiche evocative, mai noiose e di qualità eccellente (non per nulla esiste anche la colonna sonora acquistabile a parte). Se volete stupire gli amici con il vostro ultimo acquisto per Saturn questo è probabilmente il titolo da proporre (e se non piace vedete di cambiare amici…)

CONCLUSIONI
Treasure, pur essendo una minuscola software house paragonata ad altri colossi giapponesi, è riuscita a tirar fuori dal cilindro un gioco stratosferico. Già in precedenza ci aveva abituati ad ottimi titoli, ma con RS si raggiunge la perfezione da ogni punto di vista, difficilmente si potrebbe trovare un difetto ad un gioco simile. Anzi, volendo ben guardare, un piccolo difetto c’è… il prezzo! Sfortunatamente, pur non essendo un gioco particolarmente raro, le quotazioni per portarsene a casa una copia sono sempre abbastanza elevate (quasi impossibile trovarlo a meno di 100 euro) ma se siete degli amanti del genere non posso che consigliarlo.
In definitiva, siamo di fronte a quanto di meglio possa offrire uno shooter. Radiant Silvergun, così come Ikaruga e pochi altri titoli, riesce a donare linfa vitale a un genere che risulta essere fin troppo ancorato ai canoni del passato.

GRAFICA : 9.5
SONORO : 8.5
LONGEVITA‘ : 8.5
CARISMA : 10
GLOBALE : 9


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...